Zia e calcio

Posted in General by midbar on 30/04/2008 18:09

La Wanda con il passamontagnaLa sera del 2 Luglio 2000, ricorderete, al Feijenord Stadion di Rotterdam si giocò la Finale degli Europei di Calcio. Le squadre che si incontravano per contendersi il titolo erano Francia e Italia.

Quella sera, lo ricordo bene, eravamo giù al piano di sotto, da zia (link1 e link2) per cenare con alcuni ospiti. Lo ammetto, pur non essendo scaramantico, quella sera giù di sotto non avevo tanto voglia di andarci… ma, per riguardo agli ospiti, la moglie mi fece capire che si doveva… ho chiesto la garanzia che non si iniziasse la cena prima del termine della partita.

Zia è sempre indaffarata indaffaratissima, e con gli ospiti avrebbe sicuramente avuto molto da fare in cucina, ed in effetti per tutta quasi tutta la partita non si è mai fatta vedere. All’89′ minuto l’Italia sta vincendo per 1-0… ancora un minuto ed è fatta… ma ecco che arriva LEI, si appoggia in piedi al termosifone e inizia a fissare il televisore… dopo un minuto finisce il tempo regolamentare e lei che fa? Cheffa??? Inizia a fischiettare… cheffischia????? La Marsigliese!!! Inizio a voltarmi nervosamente verso di lei… ma lei continua… quindi mi volto verso la moglie… che fa spallucce… il tempo passa ed ecco al terzo minuto di recupero, implacabile, il goal dei francesi. Gelo fra i presenti… lei esclama “preparo i piatti?”… rispondo secco: “no… la partita non è finita”.

Si va ai supplementari con regola del golden goal… sottovoce supplico alla moglie “dille qualcosa… allontanala!”… indifferenza totale… iniziano i supplementari e zia sempre lì, accanto al termo, muta. Cinque minuti di silenzio sono un record per lei (forse ha capito), ma cinque minuti sono pochi per un supplementare e quindi attacca, con voce sottile, quasi un lamento… “mmmhhh… mmmhhh… mmmmhhhh…. non ce la fa… mmmhhh… mmmmhhhh…secondo me non ce la fa…mmhhh…”. A me monta su un fastidio incredibile, a metà tra stomaco e fegato, ed ecco al 13′ Pires va via sulla fascia, crossa al centro e Trezeguet, con un tiro al volo, insacca il pallone sull’angolo in alto alla destra di Toldo, mentre zia, allontanandosi, proclama a gran voce: “Bene… allora vado a preparare i piatti”.

One Response to “Zia e calcio”

  1. Midbar’s Blog » Ciao zia Says:

    […] Ciao Trackback · […]

Leave a Reply

20 queries. 0.211 seconds.
Powered by Wordpress
theme by evil.bert